Il Ritorno

Questa è la lunga storia di un soldato che per disgrazia ritornò dal fronte

senza saper che invece dell’alloro gli avevan messo cento corna in fronte

 

A son tornà stanote stanote a casa mia: tre case, l’osteria, la cesa col piovàn.

Me gà robà la guèra cinque ani manco un mese ma mi dal mè paese mi non me movo più.

Vicìn a me mujére tacà a la me putéla, la vita zè più bela la zè la libertà

Vicìn a me mujére tacà a la me putéla, la vita zè più bela la zè la libertà Oh.

 

Cammina per la strada acciottolata e giunge a una finestra illuminata.

Bussa alla porta il bravo soldatino e sulla porta appare un bel bambino.

 

Ghe zéla, ghe domando, ghe zéla Carolina? Mé mama zè in cusina a fare i so’ mestier.

Vien ‘vanti, ghe zè posto par tuti i congedati: qua i militar soldati fan tapa note e dì.

A tuti la ghe conta che l’è senza marìo perchè l’è andà con Dio sul fronte a guerreggiar.

A tuti la ghe contache l’è senza marìo perchè l’è andà con Dio sul fronte a guerreggiar. Oh.

 

Mette i ricordi dentro il tascapane, passa la mano sopra il capo biondo,

e mentre intorno sta crollando il mondo riprende il suo cammin senza ritorno.

 

un baso a la to’ mama, dà un baso a to’ sorela, fa su la portesèla e torna dentro in cà.

Ti, dighe co’ la mama che l’è passà to’ zio, ma che l’è andà con Dio par non tornar mai più.

La zè finìa la guera: cinque ani manca un mese ma mi, al me paese, mi no ghe vegno più.

A gò sognà ‘na note, ‘na note a casa mia, tre case, l’osteria, la cesa col piovàn.